Identità

Noi francescani secolari ci impegnamo a vivere il Vangelo ogni giorno, nel nostro contesto di vita, seguendo l'esempio di San Francesco d'Assisi.
Egli non poneva barriere, ma invitava tutti alla penitenza o conversione, intesa come profondo mutamento del proprio rapporto con Dio e con gli altri.

Noi crediamo che il tempo in cui viviamo abbia bisogno di persone che con coraggio si impegnino ad uscire dalla logica dei compromessi, delle convenienze, dei sondaggi, del materialismo e dell'individualismo per testimoniare che con fede e impegno la vita può essere spesa per il bene comune, per la pace e sperimentare così che essere fratelli è possibile.

"Un giorno, camminando in montagna, ho visto lontano una bestia. Avvicinandomi mi sono accorto che era un uomo. Giungendo di fronte a lui ho visto che era mio fratello."

Come francescani vorremmo commentare questo apologo per introdurci nel significato più profondo e autentico della dignità umana e del diritto che essa stessa ha di essere difesa sempre, come ragione fondante dell'esistenza stessa.
La lontananza dell'uomo da se stesso e, di conseguenza, dall'altro confonde i profili, genera paure, crea mostri ed impedisce la comprensione autentica. Solo avvicinandosi, comprendendo, affrontando ciò che da lontano sembra un pericolo, emergono i veri contorni dell'altro e se ne intuisce il volto, sciogliendo le nostre paure che continuano a farci costruire muri di difesa.
Ma questo ancora non basta; ci vuole il coraggio di porsi gli uni di fronte agli altri, di guardarsi negli occhi per poter cogliere anche le situazioni di degrado, di sofferenza estrema, creando l'unica via per riconoscere noi stessi nell'altro e viceversa, generando i presupposti per l'esistenza dei reciproci diritti e del bene condiviso.

Joomla templates by a4joomla